powered_by.png, 1 kB

Home
Buon risultato del Rispettiamolo 2013
Le notizie
lunedě 10 giugno 2013

Ciao a tutti,

domenica 09 giugno al Ceppo si è svolto il primo incontro stagionale di appassionati cercatori di funghi ed in genere amanti del vivere all'aria aperta.
In tanti hanno partecipato  e non si sono fatti sfuggire l'occasione per trascorrere dei momenti nella bellissima Natura dei Monti della Laga, la speranza di trovare funghi è stata un valore aggiunto ma tutti erano ben motivati nel capire e diffondere il messaggio che gli organizzatori avevano in mente di lanciare e cioè il rispetto del bosco e di tutto quello che lo circonda, ne va di mezzo tutto....fino al nostro futuro.

Ed allora un grazie grandissimo a tutt i partecipantii, facciamo in modo che la stagione micologica, che si sta aprendo, sia un momento di godimento psico/fisico della Natura.

Buonissima stagione micologica 2013 ricca di funghi e di salute.

ciao

bruno

Image
Foto di Gruppo
 

 
Eccovi i primi porcini....
Le notizie
venerdě 07 giugno 2013

Carissimi,

sono da poco tornato da Perugia e domenica sarò al Ceppo per l'evento "Rispettiamolo", purtroppo sono assente dal bosco da un bel pò e spero di recuoperare presto ma qualche amico mi invia, per fortuna, un pò di foto di freschi ritrovamenti ed allora ne approfitto.
Vi mostro un cestino di porcini che mi ha inviato Mario raccolto dal suo amico.

Buone raccolti a tutti e a presto.

bruno

Image
Porcini amico di Mario
 

 
E' tornata la neve...
Passeggiate
lunedě 27 maggio 2013

Un saluto a tutti gli amici,

molti di voi si aspettano, giustamente, delle buone nuove sui funghi ma dico immediatamente che la stagione ha subito un rallentamento, forse meglio dire un raffreddamento, la neve è tornata ad imbiancare le nostre montagne scendendo fino a quote ben più basse del livello del bosco, ciò comporta un raffreddamento del sottobosco e di conseguenza un rallentamento della produzione fungina che non si arresterà ma avrà bisogno di nuove temperature.
Il bosco è ben bagnato e la sensazione è che ai primi raggi di sole tutto partirà alla grande, per il momento i gallucci dettano legge e a quote intorno agli 800 m slm sono ben spuntati anche se non sono di taglia buona e spesso nascosti dalle foglie.
La pazienza è la prima virtù del cercatore di funghi, adoperiamola nella consapevolezza che prima o poi la "stagione" partirà completamente.

Grazie a tutti e a presto

 bruno

Image
Morchella elata sotto la neve
Image
Raccolto di galluccci
 

 
Un regalo in anteprima agli amici del blog
Passeggiate
lunedě 20 maggio 2013

Ciao a tutti,

si conferma l'inizio della nascita di sporadici porcini sia Boletus pinophilus che Boletus aestivalis.

Ieri anch'io ho trovato una giovanissima coppietta di rossi nella bellissima e fredda Valle del Chiarino, il Boletus pinophilus più conosciuto come ROSSO, questo porcino ama le zone fresche e muscose, spesso tra i mirtilli, cresce anche con temperature piuttosto fresche di notte, è il primo a salutare il cercatore di funghi che rompe gli indugi e che abbandonando i prati entra definitivamente nel bosco. E' un regalo, un regalo della Natura per chi la ama e la rispetta, un regalo per tutti voi.

ciao

bruno

 

Image
Boletus pinophilus - il rosso

 
Grandissime novitŕ 2013
Le notizie
domenica 19 maggio 2013

Carissimi amici,

la stagione 2013, quella dei porcini,gallucci e russule è ufficialmente cominciata.

Ho la fortuna di avere amici che non si tengono la notizia per loro ma sono felici di condividerla ed io approfitto per girarvi le foto.

Grazie a Stefano con il Boletus reticulatus, Gabiele per dei rossi un pò disidratati e per finire l'amico Giuseppe con un bellissimo raccolto di Cantharellus cibarius .

Adesso tocca a voi e grazie a tutti quelli che vorranno condividere.

ciao

bruno

Image
Primo porcino di Stefano
Image
Primi porcini di Gabriele
Image
I gallucci di Giuseppe
 

 
Tutti al Ceppo il 9 Giugno
Le notizie
venerdě 17 maggio 2013

Carissimi amici,
ecco un'occasione per conoscerci e partecipare ad una grande iniziativa che ha lo scopo principale di salutare il Bosco all'inizio di una nuova stagione Micologica. Siamo tanti ad andare a funghi dobbiamo necessariamente sviluppare un'idea nuova che metta in primo piano la Natura ed il Bosco in particolare, solo una nuova cultura potrà riuscirci......troverete tutte le informazioni sulla pagina FB:

CLICCATE QUI'

non mancate.

bruno

Image 

 
Gli spinaroli...ancora si cercano
Passeggiate
lunedě 13 maggio 2013

Ciao a tutti gli amici,

..allora diciamo subito che grosse novità non ce ne sono.
La pioggia ha dettato legge, i boschi sono bagnatissimi e tutto procede molto bene, l'acqua in questo momento è importantissima per i nostri amati funghi ed appena la stagione si trasformerà estiva si cambieranno i nostri habitat, non più per prati a caccia di spinaroli, che risultano essere molto larvati tanto da scoraggiarne la raccolta, ma andremo nel bosco, forse qulcuno andrà in alto, nel faggio e mirtillo, a caccia dei primi porcini rossi /Boletus pinophilus) ma sicuramente nei boschi caldi di quercia e castagno che regaleranno i primi gallucci, russule  e qualche piccolo porcino estivo.

In bocca al lupo a tutti

 bruno

Image 

 
E' il momento degli spinaroli
Passeggiate
domenica 05 maggio 2013

Ciao a tutti,

fine settimana caratterizzato da pioggia e nebbia, un mix favorevolissimo per i funghi, meno per i cercatori, comunque gli spinaroli stanno partendo alla grande mentre vanno esaurendosi i marzuoli, le morchelle di montagna stanno spuntando adesso. La novità vera è che ho avuto segnalazioni di qualche ritrovamento di Cantharellus cibarius , i gallucci. Credo che ciò sia possibile e penso che entro 10 giorni partirà la vera stagione micologica che denominerei estiva.
Datevi da fare, o meglio, non datevi da fare così ho qualche speranza in più di trovare funghetti.
Grazie a tutti e soprattutto a Graziano Di francesco autore della foto della splendida e pulitissima raccolta di Calocybe gambosa, effettuata insieme al suo amico ed ottimo cercatore Antonio Angelozzi.

ciao a tutti

Image 

 
AMENA organizza Corsi di solo Rinnovo
Le notizie
martedě 30 aprile 2013

Ciao,

per chi ha bisogno di rinnovare il proprio tesserino in scadenza l'AMENA organizza i Corsi, ecco l'avviso e per le l'iscrizioni collegatevi al sito AMENA TERAMO

Ciao a tutti,

noi dell'AMENA abbiamo pensato di venire incontro alla richiesta di Rinnovo dei Tesserini di raccolta scaduti o di prossima scadenza (validità 5 anni) e di preparare immediatamente un Corso di Rinnovo appena le iscrizioni arriveranno al minimo di 50 iscritti.
Ogni mese ci conteremo e, se entro il giorno 20 saremo sufficienti, nell'ultima settimana realizzeremo il Corso composto di sole 2 giornate di circa 3 ore cad.. Gli attestati di rinnovo saranno rilasciati immediatamente alla fine della seconda giornata.
Il Corso è totalmente gratuito mentre è facoltativo (ed auspicabile) il tesseramento alla nostra Associazione con solo 10 euro, si avrà così diritto: all'attestato in pergamena, ai documenti necessari per il rinnovo presso la Provincia e alla tessera AMENA.....ma alla fine è solo un riconoscimento al nostro impegno.
Grazie a tutti

AMENA

 

 
Cominciano gli spinaroli ma.....
Passeggiate
lunedě 29 aprile 2013

Ciao a tutti,

vi dico subito che non mi sembra un inizio buono.
Vi spiego, per quello che ho visto e sentito dagli amici i primi spinaroli cominciano a spuntare ma sono piccoli e gia fortemente larvati. Sicuramente qualche "ingrediente" negativo deve essere intervenuto, forse il vento caldo, la poca pioggia, ma per il momento sono così, tanto da scoraggiarne la raccolta. Speriamo che miglioreranno strada facendo quando l'erba crescerà ancora.
Per i marzuoli il discorso va esaurendosi, ancora qualcosa si trova ma in modesta quantità, quest'anno in parecchi sono andati a cercarli, ora concentriamoci sugli spinaroli e attendiamo la metà di maggio, quando i primi rossi (Boletus pinophilus) si faranno trovare.
Buone passeggiate a tuttii.

bruno

Image 

 
Fra poco gli spinaroli...
Passeggiate
venerdě 26 aprile 2013

Carissimi amici,

ieri passeggiata in montagna senza grosse pretese, l'unico fungo pissibile era il Marzuolo ed infatti qualcuno l'ho trovato.
Quello che mi ha stupito, però, è vedere il fondo del terreno non molto bagnato, parlo del comprensorio del Gran Sasso, questo un pò mi preoccupa per gli spinaroli prossimi venturi, credo comunque che non ci saranno problemi e dalla prossima uscita cominceremo a cercarli.

Vi racconterò.....ciao a tutti

bruno

Image 

 
Peziza saccardoana Cooke
Funghi
sabato 04 maggio 2013

Abbiamo determinato altro fungo proveniente dal Castagneto di Senarica, è una Peziza una Peziza saccardoana,
grazie all'amico Marino Zugna del Forum AMB di Muggia , sua la scheda e foto micro.

Peziza saccardoana Cooke [as 'saccardiana'], Mycogr., Vol. 1. Discom. (London): 174 (1877)

 
Classificazione: Fungi, Ascomycota, Pezizomycotina, Pezizomycetes, Pezizomycetidae, Pezizales, Pezizaceae, Peziza

 
Descrizione macroscopica della raccolta

Ascomi larghi 7,5-30 mm, all’inizio sub rotondeggianti, successivamente a forma di coppa, sessili.

Superficie imeniale liscia, bruno rossastra, in vecchiaia con tonalità leggermente olivacee.

Superficie esterna in buona parte ricoperta da abbondante forfora e pustole e verruchette, liscia nella porzione basale. La porzione superiore di colore rosso-brunastro, sbiadente all’ocra verso la base e per essiccazione. Bordo intero, costantemente rivolto verso l’interno, finemente crenulato e leggermente più scuro, con l’età occasionalmente fessurato.

Carne biancastra, spessa 0,9-11 mm, di consistenza fragile, abbastanza aquosetta. Verifica della fuoriuscita di latice non effettuata. Sapore e odore non verificati.

 
Descrizione micro

Spore (11,9) 12,8- 13,64 -15,4 (16,5) x (7,2) 8,1- 8,53 -9,5 (9,8) µm; Q. = 1,4- 1,58 -1,8; Vol. = 348-  492 -791 µm³, ellittiche, verrucose, ornamentazione formata da verruche coniche, per lo più isolate, in alcuni casi riunite a formare brevi creste e basse connessioni, alte 1,1-1,8 µm, con una grossa guttula centrale, molto raramente “quando immature”, due più piccole.

Aschi 327- 362 -407 x 11- 12 -14 µm, J+ all’apice, cilindrici, con base attenuata pleurorinca, contenenti otto spore uniseriate.

Parafisi larghe 3-4 µm, filiformi, brevemente settate, sostanzialmente diritte con terminale il più delle volte leggermente ricurvo, spesso fino a 7 µm, ricoperto da sostanza mucosa giallastra.

In un esemplare della raccolta, in cui la sezione della carne (compresi gli aschi), misurava all’incirca 950 µm, abbiamo riscontrato 3 strati così differenziati:

Imenio spesso in media 370 µm, a tratti ricoperto da sostanza mucosa giallastra.

1/ Subimenio spesso in media 70 µm, a textura intricata formato da corte ife, spesse in media 5-10 µm, frammiste a cellule subisodiametriche larghi 10-15 x 8-14 µm. Questo insieme, visto in sezione, si dimostra più scuro dello strato sottostante.

2/ Excipulum medullare spesso 300 µm, a textura globulosa, formata da cellule subglobose 38-57 x 27-44 µm, frammiste a ife connettive più o meno cilindriche con diametro di 4-10 µm.

3/ Excipulum ectale a textura globulosa (poco differenziato dal medullare), composto da cellule subglobose, misuranti 15-45 x 12-42 µm, impilate a formare delle piccole cupole ed emergenti fino a 100 µm.

 
Osservazioni

Caratteristica per il suo Habitat carbonicolo, P. saccardoana, macroscopicamente, si riconosce per i colori dell'imenio e la forforosità verrucosa della superficie esterna. Microscopicamente, per l'ornamentazione sporale formata da verruche tendenti a riunirsi a formare brevi creste e basse connessioni.

Tra le Peziza carbonicole, a colori rosso-brunastri, possedenti spore monoguttulate e fortemente verrucose, quella che più si avvicina a P. saccardoana è sicuramente Peziza atrospora Fuckel 1864.

Anch'essa amante dello stesso substrato e con aspetto e colorazioni molto simili, si differenzia macroscopicamente dalla prima principalmente per i colori imeniali tendenti più o meno fortemente ad annerire; in secondo luogo per il suo modo di crescita, preferibilmente, cespitoso. Microscopicamente, le spore di taglia leggermente inferiore e con l’ornamentazione formata da verruche isolate, alle volte anche estese, ma non riunite a formare brevi creste e/o connessioni.

 
Materiali e Metodi

Lo studio è stato compiuto sia su materiale secco, reidratato in H2O. I preparati sono stati osservati usando come mezzo di governo H2O; ove necessario, si è adoperato Rosso Congo Ammoniacale 6 % per meglio evidenziare le differenti tipologie cellulari. Il reagente di Melzer è stato utilizzato per l’accertamento dell'amiloidia degli aschi, il Blu Cotone lattico, a caldo, per evidenziare l’ornamentazione delle spore.

Le misure microscopiche sono state eseguite con il software di calcolo Mycométre gentilmente fornitoci dal Sig. Georges Fannechère e prelevabile a questo indirizzo http://mycolim.free.fr. Le misure sporali si riferiscono a 100 unità, ottenute da sporata o prelevate da zone non imeniali, scartando spore ancora evidentemente immature e senza tenere conto di eventuali ornamentazioni che, nel caso, si sono misurate a parte, per le rimanenti tipologie cellulari si sono eseguite un minimo di venti misure a tipologia. Le misure sottolineate si riferiscono alle medie. Per quanto riguarda la nomenclatura abbiamo fatto riferimento a http://www.indexfung...names/Names.asp e http://www.mycobank.org/MycoTaxo.aspx .

Per le osservazioni dei caratteri macroscopici, in alcuni casi, ci siamo valsi di uno stereo microscopio Optech trinoculare e del supporto di foto macro ad alta risoluzione. Le foto macroscopiche sono state effettuate in habitat. Le foto concernenti la microscopia, sono state eseguite con il corpo macchina di una fotocamera Reflex Canon EOS 50D, posto sul terzo occhio del trinoculare di un microscopio biologico Optech Biostar B5, supportato da ottiche Plan-APO, illuminazione alogena 12V-50 W a luce riflessa, con regolatore d'intensità.

Le collezioni d’erbario sono conservate nell'erbario A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso.

                                                                                                                                                                                    
Dati relativi alla raccolta

N. scheda: 5033. Data di ritrovamento: 01/11/2012. Località: Castagneto di Senarica. Comune: Crognaleto (TE). Coordinate geografiche: 42°32'47.66"N 13°29'16.96"E. Altezza slm: 800. Habitat: Bosco di castagno, nel terreno ricco di residui carboniosi. Determinatore: Zugna M. Legit: de Ruvo B. Data inserimento in erbario: 02/05/2013.
 

Bibliografia consultata

Breitenbach, J. & F. Kränzlin -1981- Champignons de Suisse. Tome 1. Les Ascomycètes. Lucerne.

Dennis, R.W.G. -1981- British Ascomycetes. Vaduz, 585 pp. + addenda and corrigenda.

Donadini, J.-C. -1981- Le genre Peziza dans le Sud-Est de la France, avec clé du genre pour la France. Université de Provence. Marseille, 199 pp.

Dougoud R. 2001 - Clé des discomycétes carbonicoles. Documents Mycologiques Tome XXX n° 120 2001
Franchi, P., Gorreri, L., Marchetti M. & G. Monti -1992- Funghi e cenosi di aree bruciate. Pisa.149 pp.

Grelet L. J. 1979 : Réédition Les discomycètes de France d’aprés la classifications de Boudier.
Jamoni P.G., 1997: Lo studio del genere Peziza- Funghi e Ambiente 1997.Le Gal, M. -1947- Recherches sur les ornementations sporales des Discomycètes operculés. Thèse. Ann. Sc. Nat. Bot. 11 (8) : 73-297.

 

 




Image
Peziza saccardoana


 

 

 

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 89 - 110 di 837

Funghi

Abortiporus
Agaricus
Agrocybe
Albatrellus
Alnicola
Amanita
Amylostereum
Anthracobia
Antrodia
Armillaria
Arrhenia
Auricularia
Ascobolus
Biscogniauxia
Bisporella
Bolbitius
Boletus
Botryobasidium
Bovista
Byssomerulius
Bjerkandera
Callistosporium
Calocera
Calocybe
Caloscypha
Camarophyllopsis
Cantharellus
Ceriporiopsis
Chalciporus
Chamaemyces
Cheimonophyllum
Cheylimenia
Chlorosplenium
Chondrostereum
Chroogomphus
Ciboria
Clathrus
Clavaria
Clavulina
Clitocybe
Clitopilus
Collybia
Coniophora
Conocybe
Coprinellus
Coprinopsis
Coprinus
Coriolopsis
Cortinarius
Craterellus
Crepidotus
Crustomyces
Cudoniella
Cyathus
Cylindrobasidium
Cystolepiota
Cystoderma
Daedalea
Dasyscyphus
Datronia
Dentipellis
Discina
Disciotis
Eichleriella
Entoloma
Exidia
Exidiopsis
Faerberia
Flammulaster
Flammulina
Galerina
Ganoderma
Gautieria
Geastrum
Geopora
Gerronema
Gloeophyllum
Gloeoporus
Gloiothele
Gomphidius
Gymnopilus
Gymnopus
Gyroporus
Hapalopilus
Haplotrichum
Hebeloma
Helvella
Hemimycena
Heterobasidion
Hericium
Hohenbuehelia
Humaria
Hydnellum
Hydnum
Hydropus
Hygrocybe
Hygrophoropsis
Hygrophorus
Hymenochaete
Hymenoscyphus
Hymenogaster
Hyphoderma
Hyphodermella
Hyphodontia
Hypholoma
Ischnoderma
Inocybe
Kuehneromyces
Junghuhnia
Laccaria
Lachnellula
Lacrymaria
Lactarius
Laeticorticium
Laxitextum
Leccinum
Lentinellus
Lentinus
Lenzites
Lepiota
Lepista
Leucoagaricus
Leucocortinarius
Lycoperdon
Lyophyllum
Macrocystidia
Macrolepiota
Macrotyphula
Marasmius
Megacollybia
Melanogaster
Melanoleuca
Melanophyllum
Melanotus
Melastiza
Melogramma
Meruliopsis
Merulius
Mitrophora
Mutatoderma
Mycena
Mycoacia
Myxomiceti
Morchella
Neobulgaria
Omphalina
Omphalotus
Otidea
Oudemansiella
Panellus
Pachyella
Panaeolus
Parmastomyces
Paxillus
Peniophora
Perenniporia
Peziza
Phaeogalera
Phaeolepiota
Phaeomarasmius
Phaeotellus
Phanerochaete
Phellinus
Phlebia
Phlebiopsis
Pholiota
Pholiotina
Pleurotus
Plicaturopsis
Pluteus
Polyporus
Poniophora
Porostereum
Postia
Psathyrella
Pseudoclitocybe
Pseudocraterellus
Psilocybe
Ptychoverpa
Pulvinula
Radulomyces
Ramaria
Rhizopogon
Rhodocybe
Rhodocollybia
Rhodotus
Rickenella
Rigidoporus
Russula
Rutstroemia
Sarcomyxa
Sarcoscypha
Schizopora
Scleroderma
Scutellinia
Scytinostroma
Sebacina
Septobasidium
Sidera
Simocybe
Sistotrema
Skeletocutis
Sowerbyella
Spathularia
Steccherinum
Stereum
Stropharia
Suillus
Tarzetta
Tephrocybe
Terana
Trametes
Trechispora
Tremella
Trichaptum
Tricholoma
Tricholomopsis
Trichopaea
Tubaria
Tuber
Tulostoma
Typhula
Vascellum
Verpa
Volvaria
Volvariella
Vuilleminia
Xenasmatella
Xerocomus
Xerula
Xylaria
© 2017
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.