powered_by.png, 1 kB
Home arrow Coprinopsis arrow Coprinopsis pachyderma (Bogart) Redhead, Vilgalys & Moncalvo
Coprinopsis pachyderma (Bogart) Redhead, Vilgalys & Moncalvo
Scritto da Bruno de Ruvo   
sabato 05 maggio 2012

 

Coprinopsis pachyderma (Bogart) Redhead, Vilgalys & Moncalvo, in Redhead, Vilgalys, Moncalvo, Johnson & Hopple, Taxon 50(1): 230 (2001)

Ordine: Agaricales Famiglia:Agaricaceae Genere: Coprinopsis Specie Coprinopsis pachyderma


Basionimo: Coprinus pachydermus Bogart, Mycotaxon 8(1): 274 (1979)
Sinonimi: Coprinus pachydermus Bogart, The Genus Coprinus in Washington and Adjacent Western States [Ph.D. dissertation] (Seattle): 71 (1975).
Coprinus pachydermus Bogart, Mycotaxon 8(1): 274 (1979).

Quadro macroscopico della raccolta

La raccolta si riferisce ad un gruppetto di quattro esemplari, in un grado di maturazione ottimale. Basidiomi esili, di piccole dimensioni e di forma tipicamente coprinoide, con carne inconsistente e senza odori particolari.
Pileo alto 10-30 mm, largo 10-20 mm, di forma cilindrico ellissoide, velocemente campanulato. Superficie pileica di colore grigio topo in periferia, da grigio-brunastro a bruno nella porzione discale. Finemente plissettato in gran parte della superfice meno che al disco il quale si presenta liscio. Velo, fioccoso, formato da brevi ciuffi filamentosi a formare esili scaglie disposte radialmente, libere in basso; di colore grigiastro, tendenti ad bruno nella porzione discale. abbondantissimo nei giovani esemplari ma presto evanescente e disperso in ciuffi filamentosi sulla superficie pileica.
Lamelle libere allo stipite, ascendenti, diritte, molto fitte, intercalate da lamellule. all'inizio di colore biancastro, presto grigiastre ed infine nere, filo lamellare evidentemente più chiaro.
Stipite 50-70 x 2-3 mm, cilindrico, di colore bianco candido. Ornato da fibrille e squamosità longitudinali, anch'esse bianche, sericeo e tendente all'ocraceo alla base. Carne deliquescente, bianca, scarsa, insapore. Odore non testato.

Quadro microscopico della raccolta
Spore ellissoidali in proiezione laterale, (10,8) 11,2-12,3 (13,2) x (6,0) 6,37-7,0 (7,3) µm, in media 11,78 x 6,71 µm; Q. = (1,5) 1,6-1,8 (1,9), Q.m.= 1,76; Vol. = (216) 241-312 (362,) µm³, Vol.m.= 278 µm³; ovoidi in proiezione frontale, ellissoidi in proiezione laterale, con apice evidentemente tronco e poro germinativo centrale, in qualche caso leggermente eccentrico, con diametro di 1,2-2,2 µm, in media 1,80 µm; base da arrotondata a più o meno conica, apicolo poco visibile, ialino, parete spessa 0,5-0,8 µm, in media 0,72 µm, al microscopio ottico di colore marrone-rossastro, nere nella polvere sporale.
Basidi (19) 21-33 (37) x 8-10 µm, in media 28 x 9 µm; Q.m.= 3,0; Vol.m.= 1279 µm³, tetrasporici, da pedicellato clavati con restringimento mediano a semplicemente clavati. Contornati da 4-5 pseudoparafisi di forma sferopeduncolata.
Cheilocistidi 33-55 x 16-25 µm, in media 44 x 22 µm, Vol.m.= 11964 µm³; polimorfi, da subutriformi a subglobosi, scarsi e poco reidratabili, forse a causa dell'autolisi o ad altro motivo indicato di seguito.
Pleurocistidi 87-116 x 31-41 µm, in media 103 x 38 µm, Vol.m.= 80050 µm³; polimorfi, da subutriformi a largamente utriformi, poco numerosi.
Pileipellis disposta in cutis, formata da ife cilindriche, ristrette ai setti, misuranti 42-96 x 15-44 µm.
Pileocistidi assenti.
Velo formato da ife cilindriche, più o meno brevemente catenulate, leggermente ristrette ai setti, con articoli misuranti 56-110 x 12-24 µm, in media 84 x 19 µm, terminali misuranti 30-84 x 6-18 µm, in media 59 x 10 µm, con parete evidentemente spessa 0,8-1,5 µm, da fusiformi a subcilindrici, attenuati all'apice.
Caulopellis disposta in cutis, formata da ife cilindriche, settate, misuranti di diametro 4-12 µm, le più esterne leggermente gelatinizzate.
Caulocistidi non osservati. Abbiamo però notato delle cellule misuranti 43-86 x 13-44 µm, in media 65 x 27µm. Vol.m.= 30796 µm³, molto simili ai cheilocistidi, il che, potrebbe far supporre che, nelle prime fasi di sviluppo, una buona parte dei cheilocistidi distaccandosi dall'imenio, rimangano appiccicati alle ife corticali dello stipite e forse per questo motivo, nonostante il filo lamellare discolore, indichi la presenza di cheilocistidi, poi, in realtà non ci si trovino che pochi esemplari.
Giunti a fibbia presenti.

Materiali e metodi
Lo studio è stato compiuto su materiale secco, reidratato con KOH 5%, NH4OH 6%, H2O, secondo necessità.
I preparati sono stati osservati usando come mezzo di governo H2O; ove necessario, si è adoperato Rosso Congo Ammoniacale 2% per meglio evidenziare le differenti tipologie cellulari.
Le misure microscopiche sono state eseguite con il software di calcolo Mycométre gentilmente fornitoci dal Sig. Georges Fannechère e prelevabile a questo indirizzo http://mycolim.free.fr. Le misure sporali si riferiscono a 100 unità, effettuate in proiezione laterale prelevate da altre zone, scartando spore ancora evidentemente immature, per le rimanenti tipologie cellulari si sono eseguite un minimo di venti misure a tipologia.
Per la terminologia riguardante la tipologia delle caratteristiche macro e microscopiche, si fa riferimento a Else C. Vellinga 1998: (Flora Agaricina Neerlandica 1- Chapter 8; Glossary).
Per quanto riguarda la nomenclatura aggiornata e gli Autori delle specie, nella maggior parte dei casi, si è fatto riferimento all'Index Fungorum http://www.indexfungorum.org/ e http://www.mycobank.org/MycoTaxo.aspx .
Per le osservazioni dei caratteri macroscopici, in alcuni casi, ci siamo valsi di uno stereo microscopio Optech trinoculare e del supporto di foto macro ad alta risoluzione. Le foto concernenti la microscopia, sono state eseguite con l'ausilio di una fotocamera Reflex EOS 50D, posto sul terzo occhio di un microscopio biologico Optech Biostar B5, supportato da ottiche Plan-APO, illuminazione alogena 12V-50 W a luce riflessa, con regolatore d'intensità. Le collezioni d'erbario sono conservate nell'erbario A.M.B. Gruppo di Muggia e del Carso.

Habitat e Raccolte studiate
N. scheda: 4824. Data di ritrovamento: 22/09/2011. Località: Ceppo - Torrente Castellano. Comune: Rocca santa Maria. Coordinate geografiche: 339; III; TERAMO. Altezza slm: f. 4. Habitat: In faggeta, tra i cumuli di foglie morte di faggio. Determinatore: Zugna M. Legit: de Ruvo B. Data inserimento in erbario: 03/05/2012

Osservazioni
Per la conformazione del velo composto da ife filamentose, più o meno catenulate, facilmente detersili, i basidiomi di piccola o molto piccola taglia, i colori pileici e velari principalmente grigiastri o bruno-grigiastri, C .pachyderma trova posto nella Sottosezione Lanatuli J. Lange, assieme ad una quindicina di altre specie a lui più o meno simili. Microscopicamente, C .pachyderma possiede almeno due caratteristiche che lo contraddistinguono e lo separano dalle altre entità viciniore della stessa Sottosezione. In primis, la differente conformazione del velo (inde nomen), la dove, nella raccolta da noi esaminata, abbiamo riscontrato ife con pareti spesse in media 1 µm, e fino a 1,5 µm, al contrario, nelle altre specie della Sottosezione Lanatuli, dove, lo spessore della parete ifale arriva a malapena a 0,5 µm. La seconda caratteristica la si riscontra nella forma delle spore, le quali, possiedono un apice evidentemente tronco "alle volte leggermente eccentrico", mentre, nelle altre specie della Sottosezione le spore possiedono un apice arrotondato o subconico e sempre centrale. Queste le caratteristiche distintive principali che hanno convinto l'Autore alla creazione del taxon, caratteristiche che noi, nell'indagine microscopica, abbiamo riscontrato senza troppa difficoltà. In quanto alla sua rarità, questo dovrebbe essere il primo ritrovamento per il suolo italiano ed il secondo in Europa. Ci viene da pensare su quante volte C. lagopus (la specie che più si avvicina macroscopicamente "ma non la sola"), sia stato indagato a fondo e quante altre invece, sia stato determinato senza tener conto della possibilità che possa essere la specie da noi indagata in questa occasione, la quale, tra l'altro, non figurava nelle principali opere micologiche europee prima degli anni 90.

Bibliografia
Bogart – 1979: The Genus Coprinus in Western North America, part II: Section Lanatuli. MYCOTAXON Vol. VIII, N° 1, pp. 243-291.
F. Kränzlin -1995: Champignons de Suisse; Tome 4. Lucerne.
Index Fungorum: <http://www.indexfungorum.org/Names/Names.asp>
Noordell. M.E., Kuyper Th. W. & E. C. Vellinga - 2005 - Flora Agaricina Neerlandica, vol. 6
Orton P.D. - 1972: Notes on British Agarics : IV, Notes From The Royal Botanie Garden, Edinburgh 32-135-150
Orton P.D. & R. Walting - 1979: British Fungus Flora 2, Coprinacee Part 1 : Coprinus, Edinburgh.
Uljé' C. B. & M. E., Noordeloos - 1997. Studies in Coprinus IV. Persoonia 16: 2

Image
Coprinopsis pachyderma
 

Image
Coprinopsis pachyderma
Image
Coprinopsis pachyderma
Image
Spore di Coprinopsis pachyderma
Image
Basidi di Coprinopsis pachyderma
 
Pros. >

Funghi

Abortiporus
Agaricus
Agrocybe
Albatrellus
Alnicola
Amanita
Amylostereum
Anthracobia
Antrodia
Armillaria
Arrhenia
Auricularia
Ascobolus
Biscogniauxia
Bisporella
Bolbitius
Boletus
Botryobasidium
Bovista
Byssomerulius
Bjerkandera
Callistosporium
Calocera
Calocybe
Caloscypha
Camarophyllopsis
Cantharellus
Ceriporiopsis
Chalciporus
Chamaemyces
Cheimonophyllum
Cheylimenia
Chlorosplenium
Chondrostereum
Chroogomphus
Ciboria
Clathrus
Clavaria
Clavulina
Clitocybe
Clitopilus
Collybia
Coniophora
Conocybe
Coprinellus
Coprinopsis
Coprinus
Coriolopsis
Cortinarius
Craterellus
Crepidotus
Crustomyces
Cudoniella
Cyathus
Cylindrobasidium
Cystolepiota
Cystoderma
Daedalea
Dasyscyphus
Datronia
Dentipellis
Discina
Disciotis
Eichleriella
Entoloma
Exidia
Exidiopsis
Faerberia
Flammulaster
Flammulina
Galerina
Ganoderma
Gautieria
Geastrum
Geopora
Gerronema
Gloeophyllum
Gloeoporus
Gloiothele
Gomphidius
Gymnopilus
Gymnopus
Gyroporus
Hapalopilus
Haplotrichum
Hebeloma
Helvella
Hemimycena
Heterobasidion
Hericium
Hohenbuehelia
Humaria
Hydnellum
Hydnum
Hydropus
Hygrocybe
Hygrophoropsis
Hygrophorus
Hymenochaete
Hymenoscyphus
Hymenogaster
Hyphoderma
Hyphodermella
Hyphodontia
Hypholoma
Ischnoderma
Inocybe
Kuehneromyces
Junghuhnia
Laccaria
Lachnellula
Lacrymaria
Lactarius
Laeticorticium
Laxitextum
Leccinum
Lentinellus
Lentinus
Lenzites
Lepiota
Lepista
Leucoagaricus
Leucocortinarius
Lycoperdon
Lyophyllum
Macrocystidia
Macrolepiota
Macrotyphula
Marasmius
Megacollybia
Melanogaster
Melanoleuca
Melanophyllum
Melanotus
Melastiza
Melogramma
Meruliopsis
Merulius
Mitrophora
Mutatoderma
Mycena
Mycoacia
Myxomiceti
Morchella
Neobulgaria
Omphalina
Omphalotus
Otidea
Oudemansiella
Panellus
Pachyella
Panaeolus
Parmastomyces
Paxillus
Peniophora
Perenniporia
Peziza
Phaeogalera
Phaeolepiota
Phaeomarasmius
Phaeotellus
Phanerochaete
Phellinus
Phlebia
Phlebiopsis
Pholiota
Pholiotina
Pleurotus
Plicaturopsis
Pluteus
Polyporus
Poniophora
Porostereum
Postia
Psathyrella
Pseudoclitocybe
Pseudocraterellus
Psilocybe
Ptychoverpa
Pulvinula
Radulomyces
Ramaria
Rhizopogon
Rhodocybe
Rhodocollybia
Rhodotus
Rickenella
Rigidoporus
Russula
Rutstroemia
Sarcomyxa
Sarcoscypha
Schizopora
Scleroderma
Scutellinia
Scytinostroma
Sebacina
Septobasidium
Sidera
Simocybe
Sistotrema
Skeletocutis
Sowerbyella
Spathularia
Steccherinum
Stereum
Stropharia
Suillus
Tarzetta
Tephrocybe
Terana
Trametes
Trechispora
Tremella
Trichaptum
Tricholoma
Tricholomopsis
Trichopaea
Tubaria
Tuber
Tulostoma
Typhula
Vascellum
Verpa
Volvaria
Volvariella
Vuilleminia
Xenasmatella
Xerocomus
Xerula
Xylaria
© 2020
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.